Logo Fondazione Marco Biagi Logo Università di Modena e Reggio Emilia

Attività formativa

Attività Formativa XXXVI Ciclo

 

I nostri corsi

L’attività formativa si articola in corsi di didattica frontale, seminari, esercitazioni, applicazione pratica delle competenze mediante internship aziendale, ricerca di base e ricerca finalizzata a specifici progetti di tesi.

 

I corsi di didattica frontale, ciascuno della durata di 24 ore, vengono svolti in lingua italiana e/o inglese.

Diritto del lavoro e relazioni industriali

Coordinatore: dott. Iacopo Senatori
Docenti: Prof. Edoardo Ales, Prof. Francesco Basenghi, Prof. Alberto Levi, dott. Alberto Russo, dott.ssa Olga Rymkevich, dott. Iacopo Senatori
Crediti: 3
Lingua di lavoro: italiano e inglese

 

Contenuti e obiettivi formativi

Il corso propone l’analisi di alcuni snodi tematici centrali della materia, selezionati sulla scorta degli interessi di ricerca comuni alle diverse aree disciplinari rappresentate del dottorato. Una particolare attenzione sarà dedicata alle implicazioni giuslavoristiche dei fenomeni riconducibili alla c.d. “digitalizzazione” dei processi produttivi. Lo scopo è quello di fornire una ricostruzione completa degli istituti affrontati, condotta alla luce del dibattito dottrinale e delle soluzioni validate dalla giurisprudenza.
Al termine del corso, lo studente dovrà aver sviluppato la capacità di orientarsi criticamente tra gli istituti esaminati, individuandone la ratio ed il ruolo all'interno dell'ordinamento e ponendoli in relazione sulla base delle reciproche affinità e differenze. Lo studente dovrà inoltre acquisire una padronanza delle nozioni, delle categorie e del sistema delle fonti sufficiente a contestualizzare, nell’ambito dei propri studi, il punto di vista giuridico, al fine di accentuare la caratterizzazione interdisciplinare della ricerca. Lo studente dovrà infine acquisire la padronanza del lessico specialistico, al fine di esprimersi correttamente nelle forme orale e scritta sugli argomenti trattati nel corso.

 

Modalità didattica

Il corso avrà ad oggetto approfondimenti di taglio monografico e verrà svolto secondo un approccio seminariale ed interattivo che esigerà la partecipazione attiva dei dottorandi.
La partecipazione attiva dei dottorandi alle lezioni concorrerà alla formazione del giudizio finale al termine del corso.

 

Modalità di valutazione
Il giudizio – che terrà in conto anche le esposizioni e gli interventi compiuti dal dottorando durante gli incontri – verrà formulato a seguito della valutazione finale condotta a seguito di un colloquio pubblico che avrà luogo al termine del corso. Verrà favorita a questo riguardo l’aggregazione dei dottorandi in piccoli gruppi di lavoro.

Economia del lavoro

Coordinatore: Prof. Giovanni Solinas
Docenti: Prof.ssa T. Addabbo, Prof. A. Giuntini, Prof. A. Rinaldi, Prof. E. Giovannetti, Prof. Giovanni Solinas, Prof.ssa C. Strozzi, Dott.ssa Anzelika Zaiceva.
Crediti: 3
Lingua di lavoro: Italiano e Inglese

 

Contenuti e obiettivi formativi
Il corso intende offrire ai dottorandi una prospettiva comparata e analitica sul mercato del lavoro. Nel corso verranno presentati gli indicatori e le fonti statistiche sul mercato del lavoro assieme ai metodi statistici ed econometrici per la sua analisi e trattati temi inerenti il ruolo delle istituzioni che governano il mercato del lavoro in una prospettiva storica, l'offerta di lavoro, la domanda di lavoro, la qualità del lavoro, la disoccupazione e la valutazione delle politiche del lavoro, l’impatto delle nuove tecnologie sul lavoro e l’impatto dell’immigrazione. I riferimenti bibliografici saranno comunicati nel corso delle lezioni.
Si consiglia fortemente, prima di iniziare il corso, la frequenza del Laboratorio di matematica a cura del Dr Andrea Marchioni.

 

Modalità didattica
Il corso prevede lezioni frontali e attività seminariali nell’ambito delle quali si richiederà la partecipazione attiva dei dottorandi.

 

Modalità di valutazione
Relazione sugli argomenti trattati nel corso.

Economia e Management dell'innovazione

Coordinatore: prof. Gianluca Marchi
Docenti: dott. Bernardo Balboni, prof.ssa Graziella Bertocchi, prof. Giovanni Bonifati, prof. Gianluca Marchi, prof. Giuseppe Nardin, prof.ssa Margherita Russo
Crediti: 3
Lingua: Italiano e Inglese

 

Contenuti e obiettivi formativi
Il corso si propone di offrire elementi utili alla conoscenza di alcuni principali sviluppi delle teorie economiche e manageriali sull’innovazione. L’allievo acquisirà capacità critiche utili a orientarsi nella complessa letteratura sul tema nonché le competenze necessarie sul piano teorico e metodologico per avviare progetti di ricerca negli ambiti trattati.

 

Modello didattico
Il corso si organizza intorno ad una logica seminariale, attraverso incontri nei quali gli studenti si confronteranno con categorie teoretiche, modelli di analisi, metodi di ricerca e implicazioni manageriali e di policy introdotte dal docente e discusse criticamente.

 

Modalità di valutazione
Il dottorando sarà valutato sulla base di un paper, su argomento concordato col docente tutor, svolto alla fine del ciclo.

Engineering Economics and financial management

Docente: Prof. Carlo Alberto Magni
Tutor: Dott. Andrea Marchioni
Crediti: 3
Lingua di insegnamento: italiano e inglese

 

Contenuti e obiettivi formativi
Il corso intende

(i) sottolineare l’importanza dei fattori economici nelle decisioni di natura ingegneristica e industriale
(ii) fornire ai partecipanti principi, concetti, tecniche fondamentali dell’engineering economics e del financial management
(iii) aiutare lo studente ad acquisire competenze nell’analisi dei progetti di natura ingegneristica e prendere decisioni economiche razionali
(iv) illustrare strumenti innovativi di analisi economico-finanziaria e sviluppare un sistema logico integrato
(v) fornire competenze applicative per l’analisi e la valutazione.

 

Alla fine del corso, lo studente sarà in grado di:
1. comprendere i concetti di statica e dinamica di un sistema economico
2. comprendere i concetti di razionalità economica e creazione di valore
3. raccogliere le grandezze stimate e processarle correttamente per un’analisi logico-economica di un progetto di natura ingegneristica
4. costruire i pro forma financial statements
5. usare fogli elettronici per modellizzare un progetto
6. misurare la redditività di un progetto
7. confrontare e classificare progetti alternativi
8. analizzare un progetto in condizioni reali

 

Keywords
Meccanica di un sistema economico: statica (legge di conservazione) e dinamica (legge del moto). Sistema del progetto, sistema benchmark. Capitale, reddito, flusso di cassa. Investimenti (operativi, non-operativi), finanziamenti (equity, debito). Valore temporale del denaro e tasso di interesse. Classificazione dei costi, ammortamento, capitale circolante netto, ciclo operativo. Impatto fiscale su redditi e flussi. Costo medio ponderato del capitale, costo dell’equity. Flusso di cassa del progetto, flusso di cassa operativo, cash flow to equity, cash flow to debt. Dividendi potenziali e payout policy. Determinanti di valore. Creazione di valore, legge del prezzo unico, arbitraggio. Valutazione, decisioni, ranking, analisi costi-benefici. Incertezza.
Si consiglia fortemente prima di iniziare il corso la frequenza del Laboratorio di matematica a cura del Dr Andrea Marchioni.

 

Modalità didattica
Lezioni frontali con lavagna Wacom e uso di Excel.

 

Modalità di valutazione
Analisi economica di un progetto su Excel a partire dalle stime degli input (costi, ricavi e capitale), analisi di pareggio, analisi delle grandezze contabili. I candidati potranno utilizzare in sede di valutazione qualsiasi ausilio ritenuto opportuno per l’analisi (appunti, testi, pc personali, etc.). Inoltre, ciascun candidato potrà consultarsi con un collega (previamente scelto) per una durata massima di due minuti.

Iconografie del lavoro

Coordinatore: prof. Nicola M. Dusi - prof.ssa Chiara Strozzi
Docenti: prof. Nicola M. Dusi - prof.ssa Chiara Strozzi
Crediti: 3
Lingua di lavoro: italiano

 

Contenuti e obiettivi formativi
Il laboratorio sarà incentrato sulla visione di film, cortometraggi e serie TV per elaborare una griglia metodologica utile all’analisi critica dei prodotti mediali dedicati al tema del lavoro. Verranno discusse teorie e pratiche dei media audiovisivi tradizionali e digitali, confrontando tra loro le proposte metodologiche della narratologia e della storia del cinema, della sociosemiotica dei media e della semiotica dell’esperienza mediale.
Si prevede una prima parte di lezioni frontali e una serie di incontri seminariali con esperti e con operatori del settore audiovisivo, collaborando anche con Emilia-Romagna Teatro.

 

Modalità di valutazione
Per l'esame finale gli studenti dovranno presentare delle recensioni critiche a partire da prodotti mediali selezionati, tra cui quelli dell’archivio del Festival del cinema documentario breve sul lavoro Short on Work.

 

Bibliografia
Alcuni articoli in italiano o in inglese, e alcuni capitoli di libri, verranno indicati all’inizio del seminario

Inglese specialistico

Coordinatore: prof. William Bromwich
Docenti: prof. William Bromwich, Dott.ssa Donatella Malavasi
Crediti: 3
Lingua: Inglese

 

Contenuti e obiettivi formativi
Partendo da un livello postintermedio (livello B2 del Quadro Europeo di Riferimento, ovvero il Common European Framework), il ciclo di lezioni intende fornire gli strumenti per permettere ai partecipanti di migliorare la propria conoscenza della lingua inglese scritta e orale in ambito specialistico. Verranno esaminati problemi relativi all’elaborazione, la revisione e la traduzione di testi specialistici, e viene proposta la lettura guidata di testi in lingua inglese inerenti al diritto del lavoro e alle relazioni industriali in una prospettiva comparativa. Uno spazio particolare viene dedicato alla lettura e al commento della stampa internazionale in lingua inglese (ad es. The Economist, Financial Times, New York Times) ai fini di approfondire la conoscenza del linguaggio specialistico sia in ambito giuridico che economico. Il corso, infine, si concentrerà su un’analisi del discorso accademico e delle sue principali caratteristiche linguistiche. Particolare attenzione sarà prestata agli articoli di ricerca, alla loro struttura retorico-testuale e alle loro peculiarità stilistico-formali.

 

Modalità di valutazione
Presentazione orale durante il periodo di lezione; esercitazione scritta finale.

Metodi di ricerca

Coordinatrice: Prof.ssa Barbara Pistoresi
Docenti: Dott.ssa Ylenia Curzi, Dott.ssa Maddalena Cavicchioli, Prof. Fabrizio Montanari, Prof.ssa Silvia Muzzioli, Prof.ssa Barbara Pistoresi
Crediti: 3
Lingua di lavoro: italiano e inglese

 

Contenuti e obiettivi formativi
Il corso si propone di offrire le conoscenze di base sui metodi di ricerca qualitativa e quantitativa per l'analisi economica, finanziaria e aziendale. Oltre a lezioni frontali, il corso prevede un ciclo di seminari in cui vengono presentati lavori scientifici pubblicati o in corso di pubblicazione su riviste internazionali, o analisi quantitative in progress (es. working paper), che fanno riferimento ai temi trattati nel corso. Questi seminari vedranno coinvolti i docenti del corso e/o dottorandi della FMB di altri anni.
Si consiglia fortemente prima di frequentare il corso la frequenza del Laboratorio di matematica a cura del Dr Andrea Marchioni.

 

Modalità di valutazione
Il dottorando sarà valutato sulla base di una prova scritta sugli argomenti trattati nel corso.

Teoria dell'organizzazione

Coordinatrice: Dott.ssa Ylenia Curzi
Docenti: Prof. Tommaso Fabbri, Prof. Luigi E. Golzio, Prof. Massimo Neri, Prof. Massimo Pilati, Prof.ssa Annachiara Scapolan, Dott.ssa Ylenia Curzi e Dott. Matteo Rinaldini.
Crediti: 3
Lingua di lavoro: italiano e inglese

 

Contenuti e obiettivi formativi
Il corso propone un itinerario teorico e metodologico nella riflessione e nella pratica sull’organizzazione, introducendo i corsisti ad alcune importanti questioni/temi di ricerca nel campo in esame. Questi ultimi sono affrontati attraverso l’analisi delle teorie di riferimento, dei principali metodi di ricerca e/o di intervento organizzativi, delle loro basi epistemologiche.
Al termine del corso, lo studente dovrà aver sviluppato la capacità di orientarsi criticamente nell’ampia teoresi organizzativa esistente; inoltre, dovrà essere in grado di utilizzare le conoscenze acquisite nella concezione di progetti di ricerca che esibiscano coerenza tra il livello dell’elaborazione teorica e quello della metodologia di indagine.

 

Modalità didattica
Il corso è erogato in modalità seminariale, ossia attraverso incontri in cui i dottorandi discuteranno sullo statuto epistemologico, sulle categorie analitiche e sui metodi delle principali teorie dell’organizzazione e del loro rapporto con alcune importanti questioni/temi di ricerca nel campo in esame. Gli incontri possono prevedere lo studio previo di saggi di letteratura indicati dai docenti.

 

Modalità di valutazione
Il giudizio di rendimento si baserà sulla qualità del comportamento in aula e sull’esito di una prova scritta, preferibilmente svolta in gruppo, su argomenti concordati col referente del corso sulla base dei temi/questioni trattati a lezione.

 

Tabella esemplificativa del calendario dei corsi

 

 

 

Manifesto degli studi

Il conseguimento del titolo è subordinato all’acquisizione di 180 CFU che il dottorando deve maturare nel triennio di studi, frequentando i corsi di didattica, i cicli di seminari e altre attività previste dal percorso formativo.

 

I crediti formativi necessari ai fini del passaggio all’anno successivo sono i seguenti:

 

  • 1° anno – (60 CFU)
    • Corsi del dottorato: obbligatori 21 CFU *
    • Seminari del dottorato: obbligatori fino a 9 CFU; facoltativi (anche seminari/convegni esterni) nella misura concordata con il tutor.
    • Altre attività (ricerca, didattica ed esperienza pratica – internship): concorrono alla maturazione dei crediti residui. In particolare, ci si attende una assidua partecipazione ai laboratori e convegni del dottorato nonché ai gruppi di ricerca.

 

  • 2° anno – (60 CFU)
    • Seminari/corsi/convegni (anche esterni): obbligatori fino a 9 CFU; facoltativi massimo 6 CFU (se non si è già superata la soglia di 60 complessivi)
    • Altre attività (ricerca, didattica ed esperienza pratica – internship): minimo 45 CFU

 

  • 3° anno – (60 CFU)
    • Seminari/corsi/convegni: obbligatori fino a 9 CFU; facoltativi massimo 6 CFU (se non si è già superata la soglia di 60 complessivi)
    • Altre attività (ricerca, didattica ed eventuale internship): residui minimo 45 CFU.
    • Il terzo anno verrà dedicato in modo pressoché esclusivo alla stesura della tesi di dottorato.

 

* I dottorandi industriali o impegnati in attività di internship, potranno, previo accordo con il tutor e limitatamente ai corsi e ai seminari obbligatori, definire modalità di maturazione dei crediti che prevedano la ripartizione dell’obbligo di frequenza su due o tre anni. Inoltre, è possibile individuare il percorso formativo, selezionando gli insegnamenti funzionali al progetto nell’ambito dell’offerta didattica proposta sia nel dottorato che all’interno dell’offerta formativa di altri corsi di dottorato all’interno della Scuola